Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

chierichetti Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

Spazio ragazzi

Mostra dei piccoli alunni della scuola Caccin

Viaggi ricchi di incontri

LOCANDINA VIAGGIO A4 2017 2 bisCari lettori, la scorsa settimana avete avuto modo di conoscere la bella avventura, vissuta dagli alunni della classe 4ª (tempo pieno) della Scuola Primaria “B. Caccin”. Questa settimana, invece, potete condividere l’esperienza degli alunni delle classi a tempo pieno della Scuola Primaria “Don Milani”, che ci invitano tutti ad un incontro testimonianza molto interessante e a visitare la mostra, guidata da loro stessi. C’è sempre qualcosa di nuovo e di bello da imparare! Sicuramente molti di voi stanno vivendo delle esperienze belle ed arricchenti (sia a livello individuale che di gruppo) e ci farebbe piacere che le condivideste attraverso questo spazio del giornale, in modo da trasformarlo in una bellissima “vetrina” che possa attrarre molti a leggere notizie che fanno crescere ed invogliano a sperimentare. Ovviamente, il nostro invito è valido non solo in occasione del fine anno scolastico, ma in ogni momento: il vostro contributo al dialogo, alla conoscenza di se stessi e degli altri, al rapporto d’amore con il Creatore e il Creato può rivelarsi preziosissimo tutti i giorni dell’anno! (A. Rosteghin)

Read more: Mostra dei piccoli alunni della scuola Caccin

Scoprire la natura

FORNACI. Dune fossili

Laboratori archeologici per la scuola primaria di Porto Viro

dune-ragazziSta giungendo alla sua conclusione il ciclo di incontri didattici che ha coinvolto la Scuola primaria “Porticino” di Porto Viro e l’associazione “Le Dune” onlus. Sin dalla sua costituzione infatti l’Associazione, promossa e presieduta da Dismo Milani, si è contraddistinta per una varia e creativa proposta di attività e laboratori per bambini, finalizzata a far scoprire ai più piccoli la natura che ci circonda con i suoi ritmi e stagioni; da quest’anno tale proposta si è arricchita di una serie di laboratori per le scuole pensati per valorizzare anche il patrimonio archeologico che le dune di Fornaci racchiudono. Il progetto, curato dalle dott.sse Sara Finotti, archeologa, e Angelica Boccato, psicologa, per fornire una valida proposta da un punto di vista sia didattico che educativo alle scuole della provincia, prevedeva lo svolgersi di 4 incontri attraverso i quali i bambini hanno potuto conoscere il lavoro dell’archeologo, i suoi strumenti e metodi, e sperimentato divertendosi i diversi aspetti implicati nel lavorare ad uno scavo, dalla pazienza necessaria alla soddisfazione per il ritrovamento dei “reperti”.

Read more: Scoprire la natura

Nella festa della mamma

Un vero dono per tutti noi

Vi racconto della mia mamma Ines, e di tutti i suoi preziosi insegnamenti

madre e figliaCari lettori, questa settimana vi parlo della mia mamma, perché mi piace ricordarla insieme a voi, e perché spero che tra le righe possiate cogliere qualche utile insegnamento.
Alla mamma è sempre piaciuto molto leggere. Diceva che per lei era una cosa grande: il suo modo per rilassarsi e imparare molte cose, senza bisogno di andare in giro. Fino a quando è andata in ospedale, tutte le sere andava a letto presto e leggeva almeno due ore. Non amava la televisione (eccetto i documentari che trovava istruttivi), però guardava il telegiornale ogni giorno e poi diceva che le cose andavano male, che c’era troppa cattiveria in giro, e che la colpa era della droga e di quelli che volevano avere troppo e non pensavano agli altri. Sosteneva che una volta le persone si aiutavano di più tra di loro, che ci si accontentava di poco e si era più contenti. Ci raccontava sempre dei tempi in cui mangiare ogni giorno non era scontato, della guerra, degli inverni gelidi e della miseria che imperversava. Lei era nata in campagna e papà la prendeva in giro, perché l’avevano portata a battezzare con il carretto tirato dal “musseto”. Ma i parenti contadini si sono rivelati una risorsa nei tempi difficili, perché un sacchetto di farina e un po’ di verdura erano sempre ben accolti dai suoi genitori che si erano trasferiti a Chioggia con i numerosi figli.

Read more: Nella festa della mamma