Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

chierichetti Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

Arte e scienza al Museo

MUSEO CIVICO LAGUNA SUD

Gruppo culturale Dondi dall’Orologio con Paolo Barlusconi: “Cosmogonie”

CosmogoniePresso il Museo Civico dalla Laguna Sud, a Chioggia è stata inaugurata sabato 22 aprile la mostra “Cosmogonie” realizzata grazie alla collaborazione del Gruppo Culturale Dondi dall’Orologio con l’artista Paolo Barlusconi ed il curatore della sua mostra Michele Caldarelli. Dopo un saluto dell’Amministrazione da parte dell’assessore alla Cultura Isabella Penzo che ha consegnato alcuni libri in omaggio, il presidente del Gruppo Dondi, dott. Angelo Frascati, ha donato una targa commemorativa del Dondi all’artista ed al suo curatore e successivamente ha illustrato l’attività della sua associazione volta a far conoscere le figure dei Dondi nelle scuole. Sintetizzando poi la vita degli illustri concittadini ha spiegato che i Dondi non erano solo medici ma anche interessati agli astri, Jacopo autore di vari trattati si era occupato dell’influenza di luna e sole sulle maree e Giovanni aveva realizzato l’Astrarium, un orologio astronomico che permetteva di leggere senza calcoli i movimenti dei corpi celesti. Michele Caldarelli ha successivamente presentato l’artista attivo da cinquant’anni ma che lavora dal 2000 al progetto Cosmogonie, una ricerca artistica volta ad indagare il cosmo analizzandone sia gli aspetti scientifici che mitologici.

Quella di Chioggia è la 18ª esposizione di un percorso, composto anche da convegni, iniziato al Politecnico di Milano e che proseguirà a Pennabilli (RN) nel Museo della Matematica. L’artista vuole, attraverso la sua opera, conciliare arte e scienza mettendo in comunicazione i due emisferi del cervello (l’emotivo ed il razionale). Si tratta di opere non mimetiche nei confronti della natura ma che riguardano le idee riferite al cosmo. Barlusconi utilizza nelle sue sculture materiali di tipo industriale ricomposti in modo matematico. L’artista ha voluto condurre poi, per l’interessato pubblico, una visita guidata spiegando la genesi delle sue opere. Affascinato dalla volta stellare e folgorato da questa visione, l’artista ha voluto confrontarsi con temi quali i buchi neri, il caos, il tempo e le galassie. Volendo riavvicinare teorie scientifiche ed umanistiche e spinto dal mistero della bellezza, Barlusconi sta attualmente lavorando sulle dimensioni dell’universo con installazioni laser. La mostra si protrarrà fino al 14 maggio.

 Nella Talamini

Foto: Barlusconi ed una sua opera.