Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

chierichetti Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

Presente il Consorzio di tutela del radicchio di Chioggia igp

La nostra “rosa” al Macfrut di Rimini

giuseppe boscolo paloIn programma dal 10 al 12 maggio a Rimini Macfrut, la fiera internazionale dell’ortofrutta. Per l’edizione 2017 è presente per la 5ª volta il Consorzio di Tutela del Radicchio di Chioggia Igp. La partecipazione è inserita all’interno del progetto di promozione ed informazione finanziato nell’ambito del Piano di Sviluppo Regionale del Veneto avviato nel 2016 assieme ai Consorzi dell’Insalata di Lusia Igp e dell’Aglio Bianco Polesano Dop. “Siamo all’interno dell’area di Opo Veneto - spiega il presidente Giuseppe Boscolo Palo - che è socio importante sia del Consorzio che dell’Ortomercato di Chioggia, perché condividiamo assieme le scelte in tema di sostenibilità ambientale e identificazione dell’origine. La nostra è una scelta convinta in risposta alla crescente domanda di prodotti di qualità in ambienti di qualità. Lo stand è collocato tra due filari di alberi che vogliono idealmente rappresentare uno scorcio di campagna veneta, per significare dove e come vengono coltivati in nostri ortaggi e la frutta: in un territorio sano, con buone pratiche agricole, che danno prodotti garantiti nel rispetto dell’ambiente.

Sullo sfondo il concetto di biodiversità, su cui si basano processi innovativi per un’agricoltura sostenibile che mette in primo piano la salute della terra e quindi del consumatore. È un messaggio - conclude Boscolo - di salubrità, di freschezza, di stagionalità, di garanzia di qualità, certificata dai marchi Igp e Dop, come il nostro Radicchio di Chioggia, il principale tra i radicchi veneti, e l’unico radicchio Igp ad essere in piena produzione in questo periodo, con conferimenti quotidiani all’Ortomercato di Chioggia, col quale stiamo conducendo assieme azioni sinergiche di promozione per la valorizzazione del Radicchio di Chioggia Igp e del suo territorio di produzione, dalla Laguna di Venezia al Delta del Po”. Macfrut quest’anno sarà più innovativo e soprattutto più internazionale con ben 40 Stati presenti, oltre il 30% di espositori esteri in più rispetto alla passata edizione. Novità 2017: durante i 3 giorni di fiera viene allestito un campo prova all’interno dell’Expo Center per vedere in azione le più moderne tecnologie di campo per l’orticoltura. Nuovi espositori, eventi ed aree dedicate per il settore biologico, un segmento in grande crescita e dal grande appeal sui mercati internazionali. Infine sarà allestita una vetrina riservata alle imprese artigianali di trasformazione dell’ortofrutta. Come di consueto, l’ingresso al Macfrut 2017 è gratuito, previa registrazione nel sito internet della fiera o direttamente alla reception. (R.D.)