Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

SUMMER Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

Invasione di processionaria

Allarme processionaria

Un insetto killer per gli animali e pericoloso per i bambini

processionariaAllarme per la processionaria: l’aveva lanciato già qualche tempo fa il sindaco di Cavarzere Henri Tommasi ed ora si è esteso a tutto il Polesine, su interessamento dell’autorità sanitaria e degli amministratori civici. Si tratta di un famigerato insetto killer pericoloso per gli animali in genere e per i cani in particolare, che hanno l’abitudine innata di annusare dappertutto, ma pericoloso anche per i bambini. Il pericolo aumenta con l’approssimarsi della stagione calda, quando con l’elevazione delle temperature gli alberi possono essere “contaminati” da ammassi di larve, nella maggior parte dei casi impossibili da eliminare da parte dei privati, motivo per cui occorre avvertire il Comune e le autorità sanitarie competenti, le Ulss, che intervengono con gli appositi preparati antiparassitari. Quando le larve si schiudono, sollecitate dal calore, la loro peluria diventa pericolosa: provoca dermatiti, anche pesanti per i bambini deboli e potenzialmente letali per i cani (che devono giocoforza essere tenuti alla larga).

La processionaria del pino (Thaumatocampa pityocampa) è un parassita infestante di tutte le specie di pino e di conifere in genere, ma anche di altre piante casalinghe: quindi, oltre che un rischio per la salute, una minaccia generalizzata per la vegetazione arborea anche pubblica. La stagione più favorevole per l’infestazione è l’inizio della primavera fino a giugno. Necessitano, quindi, particolari controlli degli alberi per accertare l’eventuale presenza di nidi. In caso positivo occorre tagliare i rami e bruciarli con precauzione. Sotto particolare osservazione devono essere tenuti i parchi pubblici (anche con la presenza della quercia oltre che del pino e varie specie arboree, come si è detto) e i giardini privati. La processionaria deve il suo nome alla caratteristica abitudine di muoversi in fila sul terreno, formando una sorta di processione. È attiva anche durante i periodi freddi, mentre nei mesi più caldi vive in bozzolo sotto terra. In primavera defoglia piante intere, oltre che costituire un pericolo pubblico. In caso di avvistamenti bisogna subito avvertire le autorità comunali e sanitarie per un appropriato intervento liberatorio.   (Rolando Ferrarese)