Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

SUMMER Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

16 proposte all’Onu per la tutela dei diritti

LA SANTA SEDE AL GLOBAL COMPACTS DELL’ONU

Intervista a padre Fabio Baggio segretario della sezione Migranti e Rifugiati del dicastero per il servizio allo sviluppo umano integrale

PapaBagnascoDai corridoi umanitari alla legge sulla cittadinanza secondo lo ius soli, allo sponsorship per lavoro. 16 azioni molto concrete nel campo dell’accoglienza, la protezione e la promozione dei migranti economici, dei richiedenti asilo e rifugiati, delle vittime di tratta, che rappresenteranno le indicazioni della Santa Sede per spingere tutti i governi del mondo a rispettare i diritti e la dignità di tutte le persone che migrano. L’occasione sarà il “Global compact for refugees” (Accordo globale sui rifugiati – #UN4RefugeesMigrants), una conferenza intergovernativa che le Nazioni Unite organizzeranno durante la seconda metà del 2018. Di questo si sta discutendo in questi giorni in Vaticano, a Palazzo San Callisto, durante il seminario “Global compacts 2018” organizzato dalla sezione Migranti e Rifugiati del nuovo Dicastero per il servizio allo sviluppo umano integrale. Il documento con le 16 proposte è ancora in bozza e verrà reso noto a breve nella stesura definitiva, approvata dal Papa: verrà aggiornato con le indicazioni dei vescovi e rappresentanti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo che stanno partecipando dall’incontro, tra cui le Conferenze regionali dei vari continenti (Secam, Comece, Celam, Ccee) e alcuni Paesi più attivi nel settore migrazioni come Usa, Canada, Messico, Argentina, Brasile, Italia, Tunisia, … Questa costituirà la posizione della Santa Sede al Global compact for refugees, su cui i governi stanno già lavorando. Ne abbiamo parlato con padre Fabio Baggio, sottosegretario della sezione Migranti e Rifugiati.

Perché questo incontro?

Il Papa ci ha chiesto quali possono essere gli eventi interessanti per migliorare l’accoglienza, la protezione, la promozione e l’integrazione dei migranti. Uno di questi eventi è una conferenza intergovernamentale che si realizzerà nel secondo semestre del 2018 per iniziativa dell’Onu. I governi si ritroveranno per decidere linee di azione che possano servire come indicazioni chiare per tutti, nei campi delle migrazioni e dell’asilo. Li hanno chiamati Global compacts per dare un’azione globale ad un fenomeno globale. Sarebbero “patti” riguardanti l’unificazione di indicazioni e visioni, tra tutti i governi, sulle migrazioni economiche e le migrazioni forzate.

Qual è la vostra strategia?

L’idea fondamentale è fare una alleanza tra la sezione Migranti e Rifugiati e la Segreteria di Stato, incaricata del lavoro multilaterale con gli altri Paesi e le organizzazioni internazionali. Decidiamo un cammino da fare insieme, facciamo delle riflessioni e coinvolgiamo tutte le organizzazioni cattoliche più attive in una azione profetica di advocacy presso le Nazioni Unite. Siamo arrivati a 16 punti di azione. Oggi li presentiamo alle Conferenze episcopali, per chiedere loro una contestualizzazione e una ridefinizione se necessaria. Poi torneremo dal Papa – che li ha già visti – per una approvazione definitiva. Saranno i punti con cui lavoreremo, insieme alle organizzazioni cattoliche, alle Conferenze episcopali e alla Segreteria di Stato, perché entrino nei Global compacts.

Ci può anticipare alcuni di questi 16 punti? Quali sono i più significativi?

Sono 16 punti organizzati intorno ai 4 verbi suggeriti dal Papa: accogliere, proteggere, promuovere ed integrare. Sono punti di azione e non dichiarazioni ideali. Proposte molto concrete con esempi su come fare. Tra le varie proposte la questione più grande è l’ultimo punto, ossia l’integrazione. Per cogliere il momento attuale non come un problema ma come un’opportunità per costruire la società che sogniamo.

Ci sono anche i corridoi umanitari?

Certo, i corridoi umanitari sono presenti, così come l’accoglienza diffusa e lo sponsorship. In questo senso il modello canadese e statunitense sono molti interessanti e sicuramente lo proporremo.

Ci sono state accuse molto pesanti contro le Ong che salvano vite umane nel Mediterraneo. Che ne pensa?

Tutte queste critiche sono nate in seno alla Repubblica italiana, non le ho viste altrove. Noi non ci siamo occupati del problema essendo nazionale, non globale. Siamo stati molto contenti che la Chiesa italiana sia intervenuta in modo molto chiaro. La nostra sezione si affianca a tutte le dichiarazioni della Chiesa italiana.

Patrizia Caiffa